Barbera d’Alba DOC- Aldo Clerico

10,50

Se volete ricreare l’atmosfera delle Langhe non vi resta che aprire una bottiglia di Barbera d’Alba DOC di Aldo Clerico. Vi darà già qualche indizio nel bicchiere, con il suo rosso violaceo vivo e intenso. Al naso, una vasta gamma di sensazioni, profumi freschi e fruttati accompagnati dalle note cremose del legno. La sorpresa all’assaggio dove si presenta di grande struttura, bell’equilibrio e buona acidità.

Da accompagnare con?? Vi possiamo dire con tutto, ma una piccola preferenza ve la vogliamo segnalare: i fantastici ravioli del Plin conditi con un buon burro di malga e salvia fresca. Chi è il Signor Plin che rivendica la proprietà? Tranquilli, nessuno. Il plin, pizzicotto in piemontese, è appunto il piccolo pizzicotto che le pastaie locali danno al ripieno per separare i ravioli. Mistero svelato, tutti a tavola e buon appetito.

Informazioni aggiuntive

Denominazione

Barbera d'Alba DOC

Nome

Barbera d'Alba

Azienda

Regione

Annata

2016

Volume

Formato

750 ml

Tipologia

Uvaggio

Luogo di Produzione

Monforte d'Alba (Cuneo)

Vendemmia

Manuale, nei primi giorni di ottobre

Vinificazione

Fermentazione alcolica in serbatoi di acciaio inox per 12/15 giorni, con controlli della temperatura e rimontaggi giornalieri

Affinamento

Da 12 a 16 mesi in barriques e botti di rovere

Con gli occhi...

Rosso violaceo vivo e intenso

Con il naso...

Ampia gamma di sensazioni olfattive. Profumi freschi e fruttati con delicate note cremose del legno

Con la bocca...

Buon corpo e grande struttura. Il tutto supportato da una discreta acidità. Ottima persistenza gusto-olfattiva

Temperatura di servizio

18 C°

Formato del bicchiere

Longevità del vino

4/5 anni

Abbinamenti

Con antipasti, primi piatti saporiti, carni bianche e rosse, pollame e formaggi a pasta dura

Qualche idea ai fornelli...

Pappardelle con ragù di cinghiale, Lasagnette bianche con funghi porcini e guanciale, Ravioli del Plin al burro di malga e salvia, Tagliatelle al ragù bianco e zucchine croccanti, Tacchino al forno ripieno di castagne, Pollo alla cacciatora con crostini di polenta croccante, Arista di maiale con radicchio rosso stufato, Cosciotto di capretto alle erbe, Sotto filetto di Fassone scottato con verdure di primavera, Fritto misto alla piemontese

Il suo formaggio

Bra DOP Duro (con confettura di mirtilli o mostarda di pomodori verdi)

Pin It on Pinterest

Share This