Barbera d’Alba DOC (Annata 2014) – Manuel Marinacci

17,00

Una Barbera d’Alba potente, quella di Manuel Marinacci, in ogni suo aspetto. Potente nel colore, un’elegante porpora dai brillanti riflessi rubino. Potente nel suo profumo intenso e complesso, con nitidi sentori di rosa, amarena e vaniglia. Potente all’assaggio dove si presenta asciutto, morbido e pieno ma con un delicato finale che riporta ai sentori di frutta matura.

Vitigno storico piemontese dalla bacca rossa ed allungata, la Barbera è stato per secoli considerato un vino popolare, casalingo. Anche il grande Giorgio Gaber cantava alla fine degli anni 60 “Triste col suo bicchiere di barbera senza l’amore a un tavolo di un bar, il suo vicino è in abito da sera triste col suo bicchiere di champagne” dove la Barbera veniva contrapposta allo Champagne, vino di gran classe ed eleganza. Oggi, fortunatamente, la Barbera è tra i più venduti e raffinati vini italiani nel mondo. I produttori come Manuel Marinacci hanno saputo trasformare un semplice vitigno in un vino ricco di classe, fascino ed eleganza

Informazioni aggiuntive

Denominazione

Nome

Barbera d'Alba DOC

Azienda

Regione

Annata

2014

Volume

Formato

750 ml

Tipologia

Uvaggio

Luogo di Produzione

San Rocco Seno d'Elvio- Alba (Cuneo)

Vendemmia

Manuale, nella prima metà di ottobre

Vinificazione

Vinificazione tradizionale in rosso, 15 giorni di macerazione

Affinamento

12/18 mesi in botti di acciaio

Con gli occhi...

Porpora con riflessi rubino

Con il naso...

Intenso e armonico. Sentori di rosa, amarena e vaniglia

Con la bocca...

Asciutto, morbido e pieno. Delicato finale di frutta matura

Temperatura di servizio

18 C°

Formato del bicchiere

Longevità del vino

10 anni

Abbinamenti

Con primi piatti, minestre e zuppe. Con secondi di carne rossa, grigliate e formaggi stagionati. Da provare anche con piatti a base di pesce e in generale con tutti i prodotti delle Langhe

Qualche idea ai fornelli...

Sformato di topinambur con bagna cauda, Gnocchetti di patate con fonduta di Castelmagno e noci, Tagliatelle al ragù di coniglio con olive taggiasche e pinoli, Tajarin con sugo d'arrosto, Lasagnette con verdure invernali e Roccaverano, Padellata di salsicce, patate e verza, Costolette d'agnello in crosta di pinoli, Petto d'anatra all'aceto balsamico con radicchio, Scaloppine ai funghi porcini, Lingua di vitello arrosto con giardiniera di verdure, Scamone di vitello in salsa ai capperi

Il suo formaggio

Bra DOP (con miele di castagno)

Pin It on Pinterest

Share This