Valtellina Superiore DOCG Inferno Riserva Magnum 2015 – Nobili

Valtellina Superiore DOCG Inferno – Nobili

Qui nasce il Valtellina Superiore DOCG Inferno di Nicola Nobili, dove i vigneti riposano abbarbicati sulle terrazze, dove la viticoltura è definita eroica, dove il Nebbiolo cambia identità e si fa chiamare Chiavennasca. Ci vorrebbero tanti aggettivi per raccontarlo. E’luminoso nel suo rosso rubino con riflessi granata. E’ fresco, fruttato e speziato, con note piccole bacche, erbe aromatiche e noce moscata. E’ asciutto, morbido e lievemente tannico. Bastano questi? Vi abbiamo convinto?

Può un vino così sublime chiamarsi Inferno? A quanto pare sì. Inferno è una della 5 sottozone della DOCG Valtellina Superiore e pare debba il suo nome alla asperità e durezza del terreno, composto prevalentemente da ciottoli e sassi. Un inferno da coltivare, insomma, ma veramente paradisiaco da assaporare. Quindi state tranquilli, nessuna dannazione eterna, nessun Dante Alighieri, né Dan Brown. Provate l’Inferno di Nobili con i pizzoccheri o con gli Sciatt della Valtellina. Celestiali, altroché!

Clicca qui per scoprire gli altri vini dell’azienda agricola Nobili presenti nella nostra vetrina!

68,00

Informazioni aggiuntive

Denominazione

Nome

Inferno Riserva DOCG

Azienda

Regione

Annata

2015

Volume

Formato

1500 ml

Tipologia

Uvaggio

Luogo di Produzione

Vigneti posti sulle terrazze retiche di Poggiridenti, digradanti il colle dominato dall’antica chiesa del Carmine, nel “Secondo Girone dell’Inferno”

Vendemmia

Manuale, nella terza settimana di ottobre

Vinificazione

Diraspatura e pigiatura. Fermentazione in vasche di acciaio per circa 30 giorni

Affinamento

48 mesi in botti di legno da 30 ettolitri e successivi 4 mesi in bottiglia

Con gli occhi...

Rosso rubino luminoso con riflessi granata

Con il naso...

Fresco, fruttato e speziato. Note evidenti di frutti di bosco, erbe aromatiche, noce moscata e anice stellato

Con la bocca...

Asciutto, morbido e lievemente tannico. In bocca riconferma le note olfattive. Finale lungo e persistente

Temperatura di servizio

18 C°

Formato del bicchiere

Longevità del vino

6/8 anni

Abbinamenti

Con primi piatti saporiti, risotti e paste al forno. Perfetto con carni rosse, selvaggina, formaggi e salumi

Qualche idea ai fornelli...

Polenta taragna con funghi porcini, Sciatt (crocchette di formaggio Casera), Pizzoccheri alla Valtellinese, Risotto con finferli e funghi porcini, Pappardelle al ragù di cervo, Risotto con julienne di bresaola, Petto d’anatra con salsa al vino rosso e asparagi selvatici, Tagliata di manzo con leggera fonduta di Bitto, Stracotto di manzo al vino rosso e polenta, Brasato di manzo con crema di patate e funghi

Il suo formaggio

Valtellina Casera DOP (con mostarda di pere)

Note

Contiene Solfiti

Pin It on Pinterest

Share This