San Colombano DOC Tranquillo 2020 – Panizzari

Siamo alle porte di Milano, nelle ridenti colline di San Colombano alla fine dell’Ottocento quando il “nonno” Angelo inizia l’impresa spinto dal suo profondo amore per le tradizioni contadine e per il buon vino. Una passione che è passata alle successive generazioni e che ritroviamo oggi in tutti i vini di Panizzari. Oggi abbiamo provato per voi e, caldamente vi consigliamo, il San Colombano DOC Tranquillo (da non confondere con il fratello “Frizzante”). Un’autentica miscela di Barbera, Croatina ed Uva Rara che danno vita ad un vino rosso rubino intenso, dai riflessi color porpora, e dai sentori aromatici, fruttati e mediamente complessi. In bocca la struttura è buona, i tannini sono giovani ma morbidi assicurando un vino di ottima beva. Ideale per tutte le stagioni dell’anno!

Nel cuore della Pianura Padana, nella Provincia di Lodi esiste un formaggio unico al mondo, versatile e ideale come aperitivo o come ingrediente “segreto” per dare sapore e sostanza ai vostri primi e secondi piatti. Anche il suo nome la dice lunga sulle sue origini.. La Raspadura (in dialetto lombardo, letteralmente “la raschiatura”) è un formaggio che nasce da un’antica consuetudine casearia tipica della zona. Nei secoli passati, infatti, le forme di Granone Lodigiano venivano attentamente esaminate alla ricerca di imperfezioni, le quali, una volta individuate, veniva raschiate dal casaro. I “petali” ottenuti venivano spesso regalati ai contadini; il classico esempio di come un cibo considerato “scarto” possa, in seguito, diventare leggenda (e bontà)! Da provare con la tradizionale giardiniera di verdure e un bel calice di San Colombano di Panizzari.

9,00

Informazioni aggiuntive

Denominazione

San Colombano DOC

Nome

San Colombano DOC Tranquillo

Azienda

Regione

Annata

2020

Volume

Tipologia

Formato

750 ml

Uvaggio

, ,

Luogo di Produzione

Vigneti nel Comune di San Colombano al Lambro

Vendemmia

Manuale, in cassetta, a settembre

Vinificazione

Diraspa pigiatura. Fermentazione per circa 8 giorni a temperatura controllata (20 C°). Successiva separazione vinacce vino. Fermentazione malolattica in cisterne

Affinamento

6 mesi in cisterne di acciaio prima dell'imbottigliamento

Con gli occhi...

Rosso rubino intenso con riflessi porpora

Con il naso...

Aromatico, fruttato, di media complessità. Note di piccoli frutti del bosco, in modo particolare le more

Con la bocca...

Buona struttura, sapido e piacevole. Tannini morbidi, giovani e di ottima beva.

Temperatura di servizio

16/18 C°

Formato del bicchiere

Longevità del vino

2 anni

Abbinamenti

Ottimo come aperitivo invernale. Con piatti della tradizione lombarda. Con salumi, secondi a base di carne e formaggi

Qualche idea ai fornelli

Raspadura, Sformatino di zucca con salsa di parmigiano, Misto di salumi con giardiniera di verdure, Crostini con patè di fegatini, Insalata di faraone con mele, noci e aceto balsamico, Maltagliati al ragù di lepre, Ravioli di zucca burro fuso e salvia, Bigoli con radicchio, pancetta e scaglie di pecorino, Gramigna al ragù di salsiccia, Tagliata di manzo con raspadura e rucola, Coniglio in teglia alle olive, Arrosto di vitello con patate al forno, Porchetta allo spiedo, Faraona ripiena, Galletto alla diavola, Costolette di maiale con funghi chiodini e cipolle rosse

Il suo formaggio

Raspadura

Note

Contiene Solfiti

Pin It on Pinterest

Share This